CAMPAGNA “IOEQUIVALGO”

0
24

I FARMACI EQUIVALENTI SONO IDENTICI AGLI ALTRI FARMACI PER QUALITÀ,   SICUREZZA ED EFFICACIA.

L’UNICA DIFFERENZA È CHE COSTANO MENO.

  La campagna   “IoEquivalgo” parla in modo chiaro e diretto all’opinione pubblica e risponde su questo argomento a un grande bisogno informativo soprattutto degli anziani; si basa sul concetto che “I farmaci equivalenti contengono lo stesso principio attivo e nella stessa quantità del medicinale di riferimento, rispetto al quale devono avere anche la stessa forma farmaceutica e la stessa via di somministrazione.”

Proprio per contribuire a contrastare questa ancora diffusa resistenza “culturale” all’uso dei farmaci equivalenti è nata appunto l’iniziativa promossa dal Tribunale per i diritti del malato (TdM) – Cittadinanzattiva con il patrocinio dell’Agenzia italiana del farmaco, il sostegno incondizionato di Assogenerici e la fattiva partecipazione e collaborazione di numerose organizzazioni, fra cui Auser e Spi Cgil.

 

Il farmaco equivalente:

  1. deve essere efficace, ossia in grado di modificare il decorso della malattia o ridurne i sintomi;
  2. deve essere sicuro: poiché non esistono farmaci privi di tossicità, il farmaco migliore è quello efficace, ma che presenta il minor numero di effetti collaterali alle dosi prescritte;
  3. deve essere usato in modo corretto, quindi assunto nei modi e nei tempi indicati.

“Crediamo che questa campagna sia importante per molti aspetti”, ha dichiarato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva, “anzitutto per favorire la trasparenza delle politiche dei prezzi, la sostenibilità della spesa per le famiglie e del Servizio Sanitario Nazionale, e per la riduzione degli sprechi derivanti dalla mancata aderenza terapeutica, dovuta dall’interruzione delle cure per difficoltà economiche”.

Il 26,6% delle segnalazioni che Cittadinanzattiva/TDM riceve ogni giorno mostrano quanto i costi privati per i farmaci stiano diventando pesanti per le famiglie. Accanto a questo, vale la pena ricordare che il 9,5% degli italiani rinuncia alle cure, e che secondo il Rapporto OSMED (2014) la spesa pro capite per ogni compartecipazione del cittadino è stata di €  24,7, di cui il 63,6% è per la differenza di prezzo tra il medicinale acquistato e quanto rimborsa il SSN in base alla lista di trasparenza; il 36,4% è per i ticket regionali

Dal 8 ottobre 2016  è stata realizzata, da Farmadati, l’app ioequivalgo. Basta scaricarla o su computer o sui nostri cellulari per avere tutte le informazioni.  E’ collegata a un database di circa 14 MILA MEDICINALI presenti nel ciclo distributivo, aggiornato quotidianamente anche in base a eventuali ritiri di farmaci dal mercato,  è in grado di fornire informazioni sempre aggiornate sul costo del farmaco branded o griffato e del relativo equivalente quando disponibile. Questo vale sia per i farmaci erogati gratuitamente dal Ssn (fascia A), sia per quelli che sono interamente pagati dai cittadini (fascia C). Per ricercare il farmaco, l’app consente di utilizzare tutte le opzioni: codice a barre, nome commerciale o nome del principio attivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.